I VIGNETI DEL SUDAFRICA

Fu alla fine del XVII secolo, tra il 1688 e il 1691, che più di 200 ugonotti in fuga dalla Francia e dalle sue persecuzioni religiose si stabilirono in un territorio allora quasi disabitato, la colonia del Capo di Buona Speranza, uno scalo essenziale sulla rotta commerciale per l’India. La maggior parte dei coloni francesi proveniva dalle regioni della Charente e del Luberon, portando con sé alcune giovani piante di vite. Circondati da coloni olandesi e inglesi, dimostrarono il loro spirito viticolo e imposero il loro know-how.

Più di tre secoli dopo, con oltre 100.000 ettari piantati e una media di 9 milioni di ettolitri prodotti ogni anno da 3.650 cantine, il Sudafrica è senza dubbio un grande Paese produttore di vino (il più antico vigneto del Nuovo Mondo!) e alcuni dei suoi circuiti enoturistici sono tra le più belle strade del vino del mondo.

I VIGNETI DEL SUDAFRICA

Situati all’estremità meridionale del continente africano, i vigneti del Sudafrica si estendono su un’area lunga circa 800 chilometri nella regione del Capo, dalle montagne e dai pendii delle regioni costiere alle pianure aperte del Klein Karoo. La maggior parte dei vigneti è piantata nel Capo Occidentale, vicino alla costa.

La maggior parte dei vigneti è influenzata da uno dei due oceani, l’Oceano Atlantico a ovest e l’Oceano Indiano a est, che si incontrano sulla punta meridionale del Sudafrica.

Le regioni viticole del Western Cape sono suddivise in 30 distretti e 98 distretti minori.

1 I principali vitigni

La regione del Capo Occidentale offre un’ampia gamma di condizioni favorevoli alla coltivazione di numerosi vitigni. Un tempo l’industria vinicola sudafricana era dominata dalle varietà di uva bianca, ma i nuovi impianti di varietà di uva rossa hanno cambiato questa situazione. Negli ultimi sei anni, i viticoltori hanno ricominciato a piantare più varietà bianche, invertendo la tendenza degli ultimi dieci anni.

I principali vitigni a bacca rossa sono Cabernet Sauvignon, Shiraz, Pinotage, Merlot, Cabernet Ruby, Cinsault, Pinot Noir e Cabernet Franc.

I principali vitigni a bacca bianca sono Chenin blanc, Colombard, Sauvignon blanc, Chardonnay, Muscat d’Alexandrie e Sémillon.

2. Le specificità della vinificazione

Questo punto è molto specifico per ogni produttore. Tuttavia, si nota una chiara tendenza alla fermentazione spontanea e alla maturazione in grandi contenitori di rovere per la produzione di vini di alta gamma.

3. Volume di produzione

La produzione di vino del Sudafrica è stimata a 10,6 milioni di ettolitri nel 2022. La regione di Stellenbosch ha il maggior numero di vigneti, ma la regione di Breedekloof è quella che attualmente produce più vino, seguita da Robertson.

4. Percentuale di esportazioni

Nel 2022, il Sudafrica ha esportato 386,5 milioni di litri di vino, poco più di un terzo del volume totale prodotto. Il volume esportato è inferiore del 5,2% rispetto al 2021.

5. Invecchiamento in botte

La durata media dell’invecchiamento in botte è molto specifica per ogni produttore. Dipende dalla varietà di uva, ma soprattutto dall’obiettivo finale che l’enologo vuole raggiungere in termini di scambio legno/vino. In generale, i produttori invecchiano i loro vini in botte per un periodo compreso tra gli 11 e i 18 mesi, con alcuni rossi di Bordeaux che durano fino a due anni. Il mercato tende sempre più a far maturare i vini di alta gamma in barrique di rovere francese per 11-12 mesi, al fine di preservare la purezza dell’espressione del vigneto.

Qualche parola specifica sulla Tonnellerie Saury e le sue barrique in Sudafrica.

La Tonnellerie Saury distribuisce barrique a numerose aziende vinicole in Sudafrica da oltre 30 anni.

Le botti utilizzate sono principalmente barrique da 300 litri con uve extrafini per una lunga maturazione, e botti da 500 litri per i vini bianchi e il Syrah.

Viene utilizzata una grande percentuale di barrique Ecrin. L’obiettivo è rispettare il frutto, l’equilibrio tra il vino e il legno e i tannini che aggiungono freschezza.

INGE SMIT: agente della Tonnellerie Saury in Sudafrica

Inge Smit è l’agente della Tonnellerie Saury in Sudafrica dal 2021. Inge si è laureata all’Università di Stellenbosch con un Bachelor of Science in Agricoltura (Viticoltura ed Enologia) nel 2005. Da allora, Inge ha lavorato nell’industria del vino, acquisendo esperienza enologica presso Larkmead (USA), Domaine du Monteillet (Francia) e poi in Sudafrica presso Paul Cluver, Vergelegen e Hartenberg.

Condividi questo articolo

I nostri articol

Articoli recenti

FIERE DI GENNAIO

La Tonnellerie Saury è sempre sul campo per incontrare i suoi clienti, per questo motivo avretel’opportunità di incontrarci in diverse fiere durante il mese di

IL VIGNETO DELL’OREGON

L’Oregon, terra di produttori di vino Situato nel nord-ovest degli Stati Uniti, sulle rive dell’Oceano Pacifico, l’Oregon, con i suoi paesaggi pittoreschi, si è fatto

NUOVO SITO WEB DI SAURY

Siamo lieti di presentare il nuovo sito web di Saury, ridisegnato per ottimizzare l’esperienza dell’utente. Abbiamo apportato modifiche significative per rendere la navigazione più intuitiva

ZOOM SU CONTENITORI DI GRANDI DIMENSIONI

Se dal 1873 la Tonnellerie Saury perpetua le competenze della bottaia tradizionale, dispone anche di un’unità, con sede nella Charente, dedicata alla progettazione e alla