FEBBRAIO NEL VIGNETO

 

Durante il mese di febbraio, il lavoro in vigna è contrassegnato dalla predisposizione degli appezzamenti per l’impianto, dalla preparazione delle piante di vite e dalla complantation (ovvero la vendemmia e la vinificazione in contemporanea dei diversi vitigni appartenenti al medesimo vigneto) o “provignage”.

 

IN FEBBRAIO, NELL’ANNUAIRE DU COMMERCE DES VINS DE 1910 SI LEGGE:

Impianti – Febbraio è il mese in cui si prepara il terreno per piantare le viti. Se il terreno è impermeabile, non è necessario scassarlo. Se si desidera rinnovare un vecchio vigneto dopo l’estirpamento occorre coltivare il terreno per quattro o cinque anni con cereali, radici e foraggio alternati. Se il terreno è incolto, deve essere dissodato e piantato senza indugio. I terreni freddi e compatti o coltivati a lungo a vite devono essere scassati fino a 50 o 60 centimetri. Piantare su un semplice campo pulito a una profondità di 10 o 15 centimetri è la soluzione migliore quando non è indispensabile scassare il terreno.

Metodi – Concimazione, interramenti, aratura e potatura; raccolta e conservazione di marze e talee; preparazione di innesti su talee e radici.

Provignage – Nei terreni argillosi il provignage si effettua in febbraio e marzo. Il vantaggio di questa operazione è il rapido ripopolamento dei vuoti e la produzione di frutti dal secondo anno. È un metodo costoso e produce ceppi spesso poco rustici e poco vivaci.  ”

 

AL GIORNO D’OGGI IN FEBBRAIO

La complantation, chiamata anche “provignage”, è l’azione di sostituire le viti morte in un appezzamento esistente con viti giovani. Ogni anno, infatti, alcune viti muoiono negli appezzamenti per varie ragioni: incidenti meccanici (macchinari), maltempo (siccità o fulmini), ma anche per motivi sanitari (malattie del legno).

Oggi, è necessario sostituire le viti mancanti per rispettare le regole dei decreti di denominazione che impongono un numero minimo di viti per ettaro, pena il declassamento dalla denominazione.

 

“Au vignoble et au cellier – 1910” è una serie di articoli che presenteremo nel corso del 2020, mese per mese. Gli articoli sono tratti dall’Annuaire du commerce des vins del 1910 e descrivono i vari lavori coinvolti nella produzione di uva e vino all’inizio del XX secolo.

 

Immagine: vecchia cartolina, scena di provignage in Champagne all’inizio del XX secolo ©DR